Definizione e vantaggi

Geotermia profonda idrotermale:
calore (ed elettricità) per quartieri, aziende commerciali e industriali, nonché agricoltura

GEOTHERMIE-TIEF_ILLUDEF-I

Senza essere una nozione rigorosamente scientifica, la geotermia profonda copre profondità di 3’000 metri ed oltre. A queste profondità, l’acqua contenuta nei cosiddetti acquiferi ha normalmente una temperatura superiore ai 90-100°C. Gli acquiferi sono strati di roccia dove circola e s’accumula l’acqua.

L’acqua calda presente a grandi profondità può essere utilizzata per diversi scopi. L’esempio più conosciuto è l’approvvigionamento di estese zone urbane tramite reti di teleriscaldamento. Ma la geotermia profonda idrotermale può anche essere utilizzata per alimentare con calore aziende commerciali e industriali. Nell’agricoltura, viene utilizzata per riscaldare le serre e per l’essicazione.

Se l’acqua in profondità é bollente (>100-120°C) può persino essere utilizzata per produrre energia elettrica.

Esempio di San Gallo
Il progetto geotermico a San Gallo appartiene alla categoria della geotermia profonda idrotermale. Dopo diversi leggeri terremoti nell’estate del 2013, i lavori in corso vennero sospesi. Oltre all’acqua calda (in quantità insufficiente) fu trovato anche del gas naturale. Se e in che modo questo gas possa venir utilizzato è tutt’ora in fase di chiarimento.

Fonte: Sankt Galler Stadtwerke, Geothermie-Projekt, 2013

Fonte: Sankt Galler Stadtwerke, Geothermie-Projekt, 2013